I migliori vini della Puglia

ANTEPRIMA TRE BICCHIERI 2021.

La varietà del panorama vitivinicolo della Puglia 

Da anni ormai parliamo di una crescita costante e continua della produzione della regione, e anche quest’anno non possiamo che confermare questa tendenza. Le aziende nella nostra sezione principale infatti sono diventate 44, rispetto alle 36 dell’anno scorso, grazie a una produzione di qualità che ormai possiamo riscontrare in tutte le zone viticole della regione, anche se in alcune realtà questa crescita è più evidente che in altre, come si può facilmente verificare a Gioia del Colle o a Manduria.

Un contesto sostanzialmente positivo quindi, nonostante i tempi difficili che stiamo vivendo, sul quale influiscono a nostro parere un paio di elementi. Il primo è che è cresciuta l’attenzione al modo di coltivare e di lavorare il primitivo, sempre di più vitigno di riferimento della regione per le sue caratteristiche qualitative, la capacità di esprimere al meglio i territori di provenienza e la sua versatilità espressiva, una versatilità che permette ai produttori di realizzare vini di grande qualità sia quando l’uva utilizzata proviene da vecchie vigne ad alberello, che quando invece proviene da vigne giovani, per vini ovviamente diversi ma che possono essere ottimi nelle loro rispettive tipologie.

Il secondo è la crescita dell’importanza e della qualità dei vini a denominazioni di origine, a dare risalto non solo al vitigno, ma anche al territorio, quando fino a poco tempo fa la maggior parte dei produttori puntava soprattutto sul marchio.

I Tre Bicchieri 2021 della Puglia

Per quanto riguarda i Tre Bicchieri, c’è da segnalare un “absolute beginner”: la cantina Terre dei Vaaz, azienda giovanissima della zona di Gioia del Colle, alla sua seconda annata di produzione, che li conquista con l’Onirico ’18, ovviamente un Primitivo in purezza (anche se non a denominazione di origine). Chiudiamo con la solita, inascoltata, considerazione: in Puglia c’è ormai una “invasione degli ultracorpi”, o meglio, delle bottiglie “ultrapesanti”, cioè del peso di oltre un chilo, nell’erronea convinzione che una bottiglia del genere sia “prestigiosa”. Il risultato è quello di far viaggiare per il mondo bottiglie di quasi due chili, in spregio a qualsiasi idea di sostenibilità, in primis del “carbon footprint”. Una pratica inaccettabile, in particolare per le aziende che rivendicano con orgoglio, e relativo logo europeo, la produzione biologica.

  • 1943 del Presidente ’18 – Cantine Due Palme
  • Askos Verdeca ’19 – Masseria Li Veli
  • Brindisi Rosso Susumaniello Oltremé ’18 – Tenute Rubino
  • Castel del Monte Rosso Bolonero ’19  – Torrevento
  • Collezione Privata Cosimo Varvaglione Old Vines Negroamaro ’17 – Varvaglione 1921
  • Gioia del Colle Primitivo 17 Vign. Montevella ’17 – Polvanera
  • Gioia del Colle Primitivo Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto ’17 – Tenute Chiaromonte
  • Gioia del Colle Primitivo Ris. ’17 – Plantamura
  • Gioia del Colle Primitivo Sellato ’18 – Tenuta Viglione
  • Gioia del Colle Primitivo Senatore ’17 . Coppi
  • Onirico ’18 – Terre dei Vaaz
  • Orfeo Negroamaro ’18 – Cantine Paolo Leo
  • Otto ’18 – Carvinea
  • Primitivo di Manduria Lirica ’18 – Produttori di Manduria
  • Primitivo di Manduria Piano Chiuso 26 27 63 Ris. ’17 – Masca del Tacco
  • Primitivo di Manduria Raccontami ’18 – Vespa Vignaioli per Passione
  • Primitivo di Manduria Sessantanni ’17 – Cantine San Marzano
  • Primitivo di Manduria Sinfarosa Zinfandel ’18 – Felline

 

Fonte: Gambero Rosso

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. Tutti i campi sono obbligatori.

Annulla commento